Chiosco Anna
Lido di Jesolo

Pietro Schiavo
e
Greta Ruffino
leggono alcuni brani del libro di

Fabio Amadi
LA PARTE
MIGLIORE DI ME

Mauro Pagliai Editore

accompagnato al pianoforte
da Marco Ponchiroli

Martedì 26 luglio, ore 21.00
XXV accesso al mare di via Bafile

zona piazza Mazzini, Lido di Jesolo
Venezia

“Scarti umani”, “rottami della società”, “sporchi fantasmi che girano a vuoto”: dietro le definizioni dure e immediate di Fabio Amadi si nasconde un’umanità varia e dolente che troppo spesso, in questo tempo frenetico e veloce, è dimenticata, lasciata ai margini, abbandonata a se stessa. Eppure tra le pieghe delle nostre società, che nonostante la crisi attuale, così diffusa e profonda, restano comunque a buon titolo società “del benessere”, ci sono una miriade di esistenze che disegnano traiettorie tanto invisibili quanto dolorose. Esistenze di cui sono in pochi ad accorgersi e ancora in meno a preoccuparsi, perché i sentimenti che prevalgono tra le persone sono il disinteresse e la paura – “paura di fermarsi”, “paura di mescolarsi”, come scrive l’autore. Esistenze simili a quella tratteggiata in queste pagine, condotte “di città in città”, in un “girare a vuoto” fatto di “tempo senza tempo”. (Walter Veltroni)

Pubblicazioni correlate: