Toscanalibri
Graziano Cioni presenta la sua autobiografia
26-01-2011
Guarda il video
Nuovo Corriere
Lo sceriffo è tornato. Cioni svela 30 anni di retroscena
21-01-2011
Si annoiava a morte. Dopo quaranta anni di politica attiva, in prima fila, è difficile fare lo spettatore. Così, nell’esilio forzato, lo sceriffo di Firenze Graziano Cioni s’è messo a scrivere.
Corriere fiorentino
Nessuno scrive più al vecchio sceriffo. E allora ci pensa lui
21-01-2011
«Oggi, come miracolato sono in perfetta forma». Vero, basta vederlo mentre presenta il suo libro per accorgersene, per capire che la malattia non l’ha vinto, che lo spirito di Graziano Cioni, barbuto tribuno della plebe, è sempre lo stesso di un paio d’an
Leggo
Cioni torna e spara su Renzi: «Sembra Previti»
21-01-2011
Schiaffi e carezze (politiche, s’intende) dall’ex sceriffo di Firenze Graziano Cioni al sindaco Matteo Renzi. «Con la rottamazione usa toni uguali a quelli di Previti
La Nazione
I segreti di Cioni: «Io, un miracolo del Pci»
21-01-2011
Quarant’anni in trincea e 188 pagine per raccontarli. «Cioni ti odia» (Sarnus editore) è l’autobiografia che l’ex assessore, vicesindaco, senatore, lo ’sceriffo’ per antonomasia della scena politica fiorentina, ha scritto in pochi
QN - Il Resto del Carlino - La Nazione - Il Giorno
Quando l’ex assessore-sceriffo venne arruolato nella Gladio Rossa
21-01-2011
Doveva essere un campeggio estivo di formazione e dibattito politico, uno di quelli che, alla fine degli anni ’60, andavano per la maggiore nel vecchio Pci, invece Graziano Cioni, il giovane empolese segretario provinciale della Fgci fiorentina, fu arruol
Il Manifesto
Lo «sceriffo» Cioni: Renzi ti odio
21-01-2011
Avrebbe voluto affrontarlo alle primarie per la candidatura a sindaco di Firenze. Ma Graziano Cioni, l’ex assessore «sceriffo» passato alla cronaca per le delibere contro gli ambulanti, fu fermato nella sfida a Matteo Renzi
Giornale della Toscana
«Cioni ti odia». E ora la verità su Graziano
21-01-2011
Sono passati due anni, sembra un secolo. Ricordo una pizza notturna con Graziano Cioni e il collega Paolo Ermini, direttore del Corriere fiorentino, dalle parti del Campo di Marte, dopo un talk show a Rete 37.
L’Unità
Lo Sceriffo vuota il sacco: esce il libro «Cioni ti odia»
21-01-2011
Sapete, dice Graziano Cioni, “quale è stato il vero miracolo del PCI italiano? Che uno come me, figlio di una confezionista e di un bottegaio di Pontorme, sia diventato parlamentare e vicesindaco di Firenze. Oggi non sarebbe possibile”.
La Repubblica
Cioni ti odia, ma non tutti. “Renzi? È lui l’uomo nuovo”
21-01-2011
È EMOZIONATO, dice, però ha la grinta di sempre. Toccato dalla malattia, vessato dalla magistratura, ma ancora a testa alta. «La situazione è quella che è e nessuno ne può venire meno!» ammonì ai tempi d’oro un militante a un’assemblea del Pci,
AdnKronos
Pd, ex vicesindaco Firenze Cioni: “Renzi non cerca consenso, vuole solo adorazione”
20-01-2011
Firenze, 20 gen. – (Adnkronos) – Matteo Renzi è “spregiudicato, ammaliatore, grande comunicatore, pronto a travolgere chiunque gli si presenti come ostacolo”. L’attuale sindaco di Firenze “non cerca il consenso vuole solo ed esclusivamente l’adorazione
Asca
Firenze: ex ‘sceriffo’ Cioni, Renzi è il nuovo ma no a toni da Previti
20-01-2011
(ASCA) - Firenze, 20 gen – “Matteo Renzi è il nuovo, in tutti i sensi. Ha trovato il modo di farsi sentire a livello nazionale, con la rottamazione, anche se i toni non mi piacciono: usare toni da Previti, che diceva di non fare prigionieri
Il Giornale
L’ex sceriffo di Firenze odia tutti
18-01-2011
Cioni ti odia. L’ex senatore e assessore fiorentino Graziano Cioni, lo «sceriffo» della guerra ai lavavetri, passato dall’aver creato l’Italia dei Valori con Antonio Di Pietro all’avviso di garanzia per corruzione per lo scandalo urbanistico dell’area Sai
Ansa
‘Sceriffo’ Cioni si toglie sassolini in autobiografia
11-01-2011
(ANSA) – Firenze, 11 gen – L’ex senatore e assessore fiorentino Graziano Cioni, lo ‘sceriffo’ che in tempi diversi fondò la Ztl più grande d’Europa, che riuscì ad allontanare i lavavetri dai semafori, che denunciò due tentativi di corruzione