Sarnus | Firenze | Scheda Libro

Memorie Comuniste

Sarnus, 2010

Pagine: 184

Caratteristiche: ill. b/n, br.

Formato: 17x24

ISBN: 978-88-563-0041-3

Collana:

Diari e memorie, 4

Settore:

DSU1 / Storia

SS1 / Politica

€ 12,75

€ 15 | Risparmio € 2,25 (15%)

Quantità:
Prefazione di Mauro Banchini. Postfazione di Claudio Rosati

Un libro di passioni vere, di vicende inedite, vissute dall’autore per 36 anni all’interno di un partito, il Pci, cui è stato “testardamente affezionato” pur non condividendone e quindi criticandone per lungo tempo impostazioni e scelte. Un’esperienza unica, illustrata con una documentazione meticolosa e rigorosa. Le vicende ripercorrono l’originale itinerario dell’autore, che narra come già dal 1967 avesse denunciato i guasti e i limiti del Pci con coraggio e coerenza. Ecco dunque che il partito lo critica, lo sottopone a prove estenuanti, anche se lo elegge sindaco di Pistoia. Bardelli subisce attacchi di ogni tipo dagli stalinisti italiani e pistoiesi, ma non molla, certo che la storia emetterà le sue sentenze. Quando nel 1989 crolla il Muro di Berlino e il comunismo si avvia al tramonto pensa che sia arrivato il momento della svolta definitiva. Rileva però che, col nascituro Pds si ripropone un modello di partito sempre in mano alla burocrazia e al funzionariato, quindi senza avvenire. E allora lascia definitivamente quel partito cui aveva dato il meglio di sé per decenni, rifiuta la proposta di essere eletto parlamentare e chiude un’esperienza amministrativa e politica senza eguali, per non venire meno ai suoi principi. L’autore prende di mira Togliatti e Berlinguer ed esalta le coerenze di Giorgio Napolitano, il compagno benvoluto di sempre. Descrive Ingrao come suo punto di riferimento fino alla delusione del 1989 e vede Cossutta come amico leale, pur non essendo con lui in sintonia.
Un libro da leggere tutto d’un fiato e da additare ad esempio per chi oggi vuole ritrovare nella politica valori etici, passione genuina, onestà assoluta.

Formato PDF