Sarnus | Firenze | Scheda Libro

A Capua un papua che fa?
Filastrocche sui nomi di persone e di città

Sarnus, 2013

Pagine: 88

Caratteristiche: ill. b/n, br.

Formato: 12x17

ISBN: 978-88-563-0140-3

Collana:

Children’s corner, 27

Settore:

TL9 / Umorismo

TL3 / Bambini, ragazzi

€ 4,68

€ 5.5 | Risparmio € 0,83 (15%)

Quantità:
Da 12 a 112 anni (ma anche di più…)

A Capua
un papua
che fa?
Ti tatua
la statua
a
pois.
Grandi metropoli come Roma (Gli spaghetti ajo e ojo? Ho un amor per quella Roma, ho un amor per quell’aroma) e piccoli paesini come San Pietro in Gu (così piatti che, a girarli, non si va né su né giù), città dai nomi evocativi come Lecco e Crema (c’è bisogno di spiegare perché?) o come Alberobello e Misterbianco (dove Mastro Lindo tiene banco), o così strani da sembrare sbagliati come Thiene e Rho (con quelle H venute da chissà dove): tutte hanno una piccola storia da raccontare o un gioco di parole da evocare…
E così è per i nomi di persona, da Alice (chiamandoti Alice, puoi essere sarda?) a Valentina (Valentina? Se cammina; quando corre: Vasveltina), passando per nomi molto diffusi come Pietro o inconsueti come Callisto (da non volgere mai al femminile!).