Sarnus | Firenze | Scheda Libro

La cucina degli antenati
Le stagioni degli alimenti e i piatti poveri della Toscana

Sarnus, 2014

Pagine: 208

Caratteristiche: ill. b/n, br.

Formato: 17x24

ISBN: 978-88-563-0098-7

Collana:

La Cuccagna | La ricerca della felicità in cucina, 1

Settore:

SS7 / Cultura popolare

TL1 / Enogastronomia

€ 12,75

€ 15 | Risparmio € 2,25 (15%)

Quantità:
Un libro per riscoprire la cucina dei nostri avi, quella di un’epoca in cui le pietanze si adattavano ai cicli naturali e dove i piatti della tradizione non erano ancora stati snaturati dall’industrializzazione e dalla logica del fast food.
Il rispetto della stagionalità dei prodotti, che un tempo era necessario, comporta numerosi effetti benefici, fornendo all’organismo una molteplicità e una variazione periodica che elimina gli inconvenienti di un’alimentazione monotona, ripetitiva, con elaborazioni standard, senza attesa di primizie e tutto sommato senza novità. Ma per seguire questa strada è necessario recuperare un bagaglio di conoscenze che si stanno progressivamente perdendo, come saper riconoscere e distinguere le diverse specie di piante e di erbe, imparandone le proprietà e l’utilizzo ottimale. Perché i prati e i boschi sono dispense sterminate di alimenti, di sapori, di profumi, di terribili veleni ma anche di medicine prodigiose.
Lapucci ci insegna i principi di una cucina sana, naturale e poco dispendiosa in un’approfondita indagine che comprende il calendario con i prodotti da gustare in ogni mese dell’anno, l’elenco delle principali piante spontanee commestibili e curative e quello dei termini culinari toscani ormai in disuso, nonché cenni sulla distribuzione geografica dei piatti caratteristici e una curiosa appendice con motti e filastrocche da usare come promemoria.