Sarnus | Firenze | Scheda Libro

“Quei lontani sogni cattivi”
Memorie di un prigioniero toscano della Grande Guerra

Sarnus, 2018

A cura di:

Francesco Giannoni

Pagine: 112

Caratteristiche: ill. b/n, br.

Formato: 17x24

ISBN: 978-88-563-0257-8

Collana:

Diari e memorie, 50

Settore:

DSU1 / Storia

L6 / Diari, memorie

€ 11,05

€ 13 | Risparmio € 1,95 (15%)

Quantità:
Introduzione di Riccardo Nencini

Le memorie di Faustino Giannoni, prigioniero italiano durante la Grande Guerra, sono scritte in prima persona con stile semplice ed efficace. Il testo, preceduto da una testimonianza del senatore Riccardo Nencini e da una nota sulle scelte operate dal nipote Francesco nella trascrizione, è impreziosito da un saggio sulla vicenda dei toscani nella prima guerra mondiale.
In pagine toccanti e ricche di notizie sulla situazione carceraria, sono ricostruiti i rapporti umani che si creavano fra gli internati, di diverse nazionalità, e fra questi e i loro carcerieri. Pur affamati e sottoposti a un trattamento spesso umiliante, i prigionieri erano curati con professionalità in caso di malattia e potevano a volte scegliere di lavorare fuori dal campo: un’opportunità che porta Faustino in Boemia insieme ad altri commilitoni. Qui lavora nei campi al servizio di una famiglia con cui instaura presto rapporti di amicizia, e ha modo di partecipare alla vita della comunità.
Tornato al campo di concentramento, quando arriverà la notizia della pace, le sentinelle austriache correranno a braccia levate verso i prigionieri gridando: “Italiani, è finita la guerra! Siamo tutti fratelli! Torneremo alle nostre famiglie!”. In un attimo, da nemici a fratelli.
Vedi anche: